Articolo determinativo: Life o The life?

Per noi italiani è assolutamente normale dire “the life”, “the society” quando parliamo della vita e della società in generale. Un articolo determinativo (il, lo, la, il, gli, le) lo piazziamo pressoché ovunque in italiano, ma in inglese non abbiamo la stessa libertà. Premetto che in questo post non mi occuperò di tutte le casistiche riguardanti l’utilizzo degli articoli in inglese, bensì di quei due sostantivi in particolare: li sento infatti spesso e volentieri preceduti da the all’inizio di un discorso quando, magari, si sta parlando solo del più e del meno. E siccome la vita e la società non sono cose da poco è meglio imparare a parlarne bene, no? 🙂

Articolo determinativo "the": si mette o no?

Articolo determinativo sì o no: facciamoci una domanda.

Mettete di voler fare un’affermazione come “La vita fa schifo!”, “La società è corrotta!” – va bene anche qualcosa di più ottimista, eh! Chiedetevi quindi se volete aggiungere delle informazioni che specifichino di quale vita o società si tratti, ad esempio: “La vita che viviamo fa schifo”, “La società descritta in quel libro è corrotta”.

 Se la risposta è sì.

Se volete, in sostanza, alludere ad vita e società specifiche necessiterete allora di the davanti a life o society più tutto il resto, ossia: “The life we’re living sucks” e “The society described in that book is corrupted”.  A darvi il diritto di utilizzare il nostro amato articolo determinativo è stato il fatto che tra life/society e il verbo sucks/is avete inserito una frase (esplicita con we’re living ed implicita con described).

Se la risposta è no.

Se vi basta un’asserzione netta e breve allora andrete benissimo con “Life sucks!” e “Society’s corrupted!”.

Attenzione!

Con il genitivo sassone o un aggettivo possessivo l’articolo determinativo è bandito sempre e comunque. Perciò: “The my mum’s life”, “The our society”.

Per la “vita” o “società” in generale, non si usa l’articolo determinativo “the”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*